Pensiero- Volpe (Ted Hughes)


Immagino la foresta in questo momento di mezzanotte.
C‘è qualcos’altro di vivo
Oltre la solitudine dell’orologio
E questa pagina bianca sulla quale scorrono le mie dita.

Non vedo stelle dalla finestra:
Qualcosa di più vicino
Benché più profondo nel buio
Sta invadendo la solitudine:

Freddo, delicato come la scura neve,
Un naso di volpe sfiora un ramo, una foglia;
Due occhi servono un movimento, che ora
E ancora ora, e ora, e ora

Lascia nitide orme sulla neve
Tra gli alberi e cauta avanza
Tra ceppi e in cavità la claudicante ombra
Di un corpo tanto audace da attraversare

Radure, un occhio,
Un verde che si dilata e sprofonda,
Brillante, assorto,
Persegue i propri fini

Finché, con improvviso acuto dolore caldo di volpe
Entra nel buco nero del cranio.
La finestra priva di stelle; l’orologio ticchetta,
La pagina è scritta.

1 commento

  1. I was curious if you ever thought of changing the
    structure of your blog? Its very well written; I love what youve got to say.
    But maybe you could a little more in the way of content so
    people could connect with it better. Youve got an awful lot
    of text for only having 1 or 2 images. Maybe
    you could space it out better?


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...