La notte delle fate. (Enrico Ruggeri)


Mary è nuovamente sola e senza dire una parola
Esce con la faccia incontro al vento
Cambia ancora direzione
E canta una canzone questa sera
Candy intanto è già partita e verso un’altra via d’uscita
Corre con il cellulare spento
E testardamente spera
Di trovarsi ancora tutta intera
Ognuno sente tanto dolore quando si piega in sè
E non vede niente
Poi una luce passa le inferriate
La notte delle fate
Ogni dona ha un paio d’ali chiuse dentro sè
Pronta a certe ascese sconfinate
La notte delle fate
Molly incline alle cadute nelle stanze sconosciute
Chiede indietro un pò di sentimento
Angoli di tenerezza
Dentro a una carezza quasi vera
Ognuno sente poco calore quando si piega in sè
Ma lentamente
Un taglio di luce annuncia un’altra estate
La notte delle fate
Ogni donna ha un paio d’ali chiuse dentro sè
E sogna ancora vette inesplorate
La notte delle fate
Ogni donna ha un paio d’ali chiuse dentro sè
Pronta a certe ascese sconfinate
La notte delle fate
Ogni donna ha un paio d’ali chiuse dentro sè
E sogna ancora vette inesplorate
La notte delle fate

2 commenti

  1. Il testo, la musica,l’interpretazione, hanno suscitato profonda emozione e anche riflessioni, considerazioni, osservazioni, fin dal primo istante dell’ascolta.
    Intrigante, testo!
    E’ poesia.

  2. Fantastico testo e fantastica musica!
    arriva come una brezza , sogni di aprire le ali e volare libera nel cielo.


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...