One of us cannot be wrong. (Leonard Cohen)


“I lit a thin green candle, to make you jealous of me.
But the room just filled up with mosquitos,
they heard that my body was free.
Then I took the dust of a long sleepless night
and I put it in your little shoe.
And then I confess that I tortured the dress
that you wore for the world to look through.

I showed my heart to the doctor: he said I just have to quit.
Then he wrote himself a prescription,
and your name was mentioned in it!
Then he locked himself in a library shelf
with the details of our honeymoon,
and I hear from the nurse that he’s gotten much worse
and his practice is all in a ruin.

I heard of a saint who had loved you,
so I studied all night in his school.
He taught that the duty of lovers
is to tarnish the golden rule.
And just when I was sure that his teachings were pure
he drowned himself in the pool.
His body is gone but back here on the lawn
his spirit continues to drool.

An Eskimo showed me a movie
he’d recently taken of you:
the poor man could hardly stop shivering,
his lips and his fingers were blue.
I suppose that he froze when the wind took your clothes
and I guess he just never got warm.
But you stand there so nice, in your blizzard of ice,
oh please let me come into the storm”.

Traduzione.

“Accesi una sottile candela verde, per renderti gelosa di me.
Ma la stanza si riempì di zanzare,
sentivano che il mio corpo era libero.
Poi presi la polvere di una lunga notte senza sonno
E la misi nella tua piccola scarpa.
Confesso che torturai l’abito
Che vestivi per consentire al mondo
di guardarci attraverso.

Mostrai il mio cuore al dottore: disse che dovevo smettere.
Poi mi scrisse lui stesso una prescrizione,
Ed vi era menzionato il tuo nome!
Poi si chiuse in uno scaffale della libreria
Con i dettagli della nostra luna di miele,
E sentii dall’infermiera che era andato peggiorando
e il suo studio era tutto in rovina.

Sentii di un santo che ti aveva amato,
Così studiai tutta la notte nella sua scuola
Egli insegnò che il dovere degli amanti
E’ di offuscare la regola d’oro.
Appena capii che i suoi insegnamenti erano puri
Egli si affogò nella piscina.
Il suo corpo è andato ma tornato quì sul prato
Il suo spirito continua a parlare pretenzioso.

Un eschimese mi mostrò un film
Che aveva recentemente girato su di te:
L’uomo povero poteva difficilmente smettere di tremare,
Le sue labbra e le sue dita erano blu.
Suppongo che congelò quando il vento prese i tuoi vestiti
E penso che non ebbe mai calore.
Ma tu sei così graziosa, nella tua tormenta di ghiaccio,
Oh per favore lasciami venire dentro la bufera”.

2 commenti

  1. come sempre… più di sempre…!!!
    emoziona!!!

  2. Greetings from Idaho! I’m bored at work so I decided to check out your blog on my iphone during lunch break. I really like the info you provide here and can’t wait to take a look when
    I get home. I’m amazed at how fast your blog loaded on my cell phone .. I’m not even using WIFI,
    just 3G .. Anyways, amazing site!


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Calendario

    • settembre: 2010
      L M M G V S D
      « Ago   Ott »
       12345
      6789101112
      13141516171819
      20212223242526
      27282930  
  • Cerca